Storia del Nihon Tai Jitsu

 

Portato in Europa dal Maestro Roland Hernaez 10°dan lo stile si è espanso in tutta Europa ed ora anche nel mondo. La storia del Nihon Tai-Jitsu tradizionale, parte nel Giappone feudale dal secolo IX,  fino ad arrivare alla fine del secolo scorso, Epoca Meiji, quando per ordine Imperiale la casta dei Samurai fu sciolta perdendo i suoi privilegi, tra essi l'uso esclusivo delle armi. In quel momento uno degli ultimi maestri della Scuola, Sokaku Takeda, decise di insegnare alle persone non appartenenti al clan, le tecniche di difesa personale della sua scuola, il Tai-jitsu. Tra gli allievi prescelti ai quali insegnò direttamente i segreti della scuola emersero il Maestro Morirei Ueshiba, (ideatore dell'aikido) e il Maestro Minoru Mochizuki, alunno diretto del Maestro Jigoro Kano (ideatore del Judo) e il Maestro Mifume.

Durante la sua vita il Maestro Mochizuki studia diverse scuole antiche e stili di combattimento come il Karatè Shotokan con il Maestro Gighin Funakoshi, ed il Karate Shorinji Ryu del Maestro Masayuki Hisakata. Questo conglomerato di conoscenze sfocia in quello che attualmente si conosce come Yoseikan o anche come Mochizuki Ryu. Nel 1931, col consenso dei suoi Maestri, apre la sua scuola di Arti Marziali, il Dojo Yoseikan in Shizuoka, la sua città natale, e da allora si dedica ad insegnare i differenti BUDO che domina, tra essi il Nihon Tai-Jitsu, denominazione che si usa per identificare l'antico Tai-Jitsu derivato dal Daito Ryu ed alla sua metodologia attuale di insegnamento.

 

Dal 1951 fino al 1954, il Maestro Mochizuki rimase in Europa, specialmente a Parigi, insegnando la sua tecnica particolare ad un gruppo di allievi, tra i quali il giovane francese Jim Alcheik. Quando il Maestro Mochizuki ritornò nel Giappone, il Maestro Alcheik viaggiò al Giappone nello spazio di tre anni più, si formò nel Dojo Yoseikan. Al suo ritorno in Francia e fino alla sua morte nel 1961, creó il primo nucleo formale di apprendisti di Nihon Tai-Jitsu europeo; tra essi emergerà, come suo assistente, il Maestro Roland Hernaez, che alla morte del suo professore, prese le redini del Nihon Tai-Jitsu, organizzando e dando la forma definitiva al metodo europeo di questa Arte Marziale.

 

Il Maestro Hernaez, studioso di diverse Arti Marziali tenne in conto i diversi insegnamenti ricevuti dei suoi maestri nel momento di costruire la metodologia di insegnamento sulla quale si basa attualmente il Nihon Tai-Jitsu. Così gli insegnamenti del suo maestro di Judo, Mikosune Kawaishi, del quale applicò certi concetti metodologici e del suo maestro di Shorinji Kempo, Hirosi Oasaka, del quale incorporò certi aspetti tecnici, fa parte del Nihon Tai-Jitsu attuale. La "Federazione Italiana Nihon Tai Jitsu" è diretta da Daniele Mazzoni 6° Dan, unico responsabile nazionale.

STORIA DELLO YOSHITSUNE WAZA JU JITSU: 

Michael DePasquale Sr. nato il 26 febbraio 1925 era un Italoamericano che viveva a New York, iniziò la pratica e lo studio delle arti marziali giapponesi dopo la fine della seconda guerra mondiale quando era ancora solo un sergente del U.S CID Army (Divisione Criminale Investigativa dell'Esercito degli Stati Uniti) sotto la guida del giapponese Sensei Junji Saito. Il maestro giapponese, conobbe in Giappone Michael DePasquale e nei primi anni 40’ emigrò negli Stati Uniti. Sensei Saito era un esperto di Ju Jitsu, selezionò tutte le sue tecniche preferite riguardanti i sistemi da lui studiati e le combinò insieme in quello che divenne noto come Yoshitsune Jujutsu. Il pensiero del maestro giapponese era che queste tecniche erano adatte più ad un fisico muscoloso e forte come quello degli occidentali, rispetto agli asiatici che sono più esili. Michael DePasquale Sr. fu un pioniere per quel tempo negli Stati Uniti nel settore delle arti marziali e col tempo ottenne il grado di Shihan ("maestro istruttore") in Hakko Ryu Ju Jitsu da Soke (Capo scuola) Ryuho Okuyama di Omiya, in Giappone. Successivamente fondò lo Yoshitsune Dojo nel 1961 e nel 1964, eseguì una dimostrazione di Ju Jutsu presso il Padiglione giapponese della Fiera mondiale di New York World, da quel momento crebbe l’interesse e la fama di questa disciplina negli Stati Uniti che nel 1968 a Sensei DePasquale gli fu affidato il compito di addestrare la sicurezza della Casa Bianca sotto l’amministrazione del Presidente Richard Nixon.

Dopo la morte del vecchio maestro giapponese nel 1988, Michael De Pasquale Sr. divenne il Soke del sistema Jujutsu Yoshitsune. Shihan DePasquale è considerato da molti come il padre del Jujutsu americano, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti durante la sua vita, nel 1987 alla Hall of Fame Jujutsu America e nello stesso anno è stato il destinatario di un premio alla carriera dalla rivista Black Belt. Rimase preside di Yoshitsune Jujutsu fino alla sua morte, il 23 settembre del 2006.

Suo figlio, Michael DePasquale Jr. ora è il Soke del sistema tradizionale Yoshitsune Ju Jitsu tramandata dal padre Michael DePasquale Sr. vive come suo padre a New York. Michael Jr. ha iniziato la sua formazione sotto la guida del padre all'età di sei anni e ha ricevuto numerosi premi, riconoscimenti tra i quali nel 1998 il Hall of Fame Jujutsu America, La battaglia di Atlanta Hall of Fame, Blue Grass Grand National Hall of Fame e molti altri. Egli è anche Presidente del Combat System Ju Jistu Yoshitsune, uno sviluppo del metodo di combattimento elaborato dal Sensei Saito. Il maestro americano tiene costanti corsi agli istruttori della NYPD Defense Tactics Instructors, della FBI Personal, della U.S. Marshals e della Postal Police. Michael De Pasquale Jr. è anche un attore di action film ed insegna a stuntman e controfigure nei film di combattimento. Attualmente pubblica tre diverse riviste, la più famosa “Karate International Magazine” e ha già scritto otto diversi libri riguardanti le arti marziali.

Hakkō-ryu Jujutsu (      ) è una scuola o 'stile' del jujutsu legato al Daito-ryu fondato nel 1941 da Okuyama Ryuho (1901-1987) uno studente di Sokaku Takeda e un praticante di shiatsu . Questo stile di autodifesa si concentra sui puntimeridiani del qi sensibili al dolore, in modo che un difensore possa creare un acuto dolore distrattore per un attaccante, ma senza causare gravi lesioni alla persona, e può quindi essere considerato una tecnica marziale umanitaria. [1]

La scuola è ora diretta da suo figlio che ha ereditato il nome Nidai Soke Okuyama Ryuho. Il quartier generale o honbu dojo si trova a Ōmiya-ku, Saitama , nella prefettura di Saitama .